Sexting e adolescenti: la campagna di prevenzione di Pepita 20 giugno 2014 07:28

 

Nasce ancora una volta dall’abuso tecnologico e dal desiderio di apparire l’ultima frontiera cyber che spopola tra le giovani generazioni. È il SEXTING. Un fenomeno tanto diffuso quanto sommerso. L’espressione deriva dalla fusione della parola sex (sesso) e di texting (pubblicare testo) e definisce la tendenza in voga tra gli adolescenti (ma non solo) di inviare immagini e messaggi con esplicito riferimento sessuale attraverso smartphone o PC, via SMS o MMS, con diffusione sui social network. E fotografarsi nudi o farsi ritrarre in atteggiamenti osè e “lanciare” gli scatti in rete diventa un gioco per provocare o un modo per farsi accettare, di cui nessun adolescente comprende i rischi e conosce le conseguenze.

Noi di Pepita Onlus, da sempre impegnati concretamente e sul campo con i ragazzi nelle scuole, negli oratori, nelle associazioni sportive, abbiamo incontrato 900 ragazzi per sensibilizzarli sui nuovi fenomeni sociali e culturali che caratterizzano il pianeta adolescenza. Da questi laboratori è nato uno spot, girato e montato dai ragazzi, per far riflettere sulle ultime tendenze dei “cittadini digitali”.

LA NOSTRA RICERCA, I PRIMI DATI – Considerando che oltre il 90% degli adolescenti in Italia sono utenti di internet e il 98% di essi dichiara di avere un profilo su uno dei social network più conosciuti (facebook, twitter), abbiamo preso in esame un campione di 900 ragazzi. Il 37% dichiara di aver condiviso on line segreti e immagini di un amico/a senza il suo consenso. Il 50% ha ricevuto messaggidi testo o foto o video da uno sconosciuto. Il 43% ha visto condivisi nell’etere segreti e foto senza il proprio consenso. Il 51% ha ricevuto immagini/video di un amico/a in costume da bagno o in atteggiamenti sessualmente espliciti.

Pensiamo che i ragazzi non abbiano bisogno di spettacolarizzazione ai limiti della legalità, ma di essere accompagnati nella quotidianità, di comprendere senza il “peso” del giudizio ciò che è bene, per imparare dagli errori.

Ai ragazzi vogliamo dire

… che tutto ciò che entra nel Web rimane, visibile da tutti per sempre.

… che non è necessario fare qualcosa che ci fa sentire a disagio perché qualcuno ci fa pressione.

… che ciò che per noi è un gioco/scherzo, può essere frainteso.

… che le conseguenze di un gesto goliardico possono nuocere al benessere fisico e psicologico.

 

Guarda lo spot e dicci se TI PIACE

 

 

 

Tags: , , , , , ,


Comments are closed.