Associazioni sportive e culturali

Educazione e formazione per la comunità educante

    Pepita tiene incontri di informazione e sensibilizzazione per tutti coloro che fanno parte della comunità educante dei ragazzi:

    L’obiettivo è quello di essere sempre presenti e aggiornati in prevenzione, monitoraggio, gestione e cura dei disagi giovanili.

    • Famiglia
    • Scuola
    • Centri e associazioni sportivi
    • Corsi per attività doposcuola pomeridiane (es. corsi di lingua straniera, arte, informatica, ecc.)

    Educazione nel doposcuola, sport e cultura

    Lo sport, la conoscenza delle lingue straniere, la valorizzazione di talenti artistici, sono oggi parte integrante della vita della maggior parte dei ragazzi; che sia svolto con una partita di calcio in oratorio o un impegno semi professionale, è importante che i giovani siano accompagnati non solo dal punto di vista tecnico ma anche di valori e contenuti per la loro percezione di sé e relazione con gli altri.

    Pepita accompagna i formatori sportivi, gli insegnanti di attività per l’infanzia e l’adolescenza di ogni livello e tipologia e gli istruttori professionali, nell’acquisizione di competenze educative sia dal punto di vista pedagogico che psicologico e cognitivo-comportamentale.

    Acquisire conoscenze base dell’attuale realtà emotiva, mentale e relazionale dei ragazzi e su come essere loro di supporto, è fondamentale per raggiungere obiettivi non solo quantitativi ma qualitativi; il rispetto di sé e degli altri sia di persona che online, un’affettività sana, una rete di relazioni sociali soddisfacente e gratificante, legami solidi all’interno della propria comunità e della propria community, sono aspetti fondanti della realizzazione anche sportiva e culturale dei ragazzi.

    Educazione, le tematiche

    Pepita affronta le questioni che oggi si pongono come cruciali nello sviluppo psicoaffettivo dei giovani con corsi di formazione tenuti da professionisti in psicologia, pedagogia, new media e normativa attinente. 

    Tra le tematiche principali sulle quali viene sviluppato il corso di informazione e sensibilizzazione degli educatori – che siano docenti, istruttori, insegnanti, animatori, accompagnatori – troviamo:

    • Identità: è l’insieme di caratteristiche che rende l’individuo unico e irripetibile, ciò che lo caratterizza e lo rende diverso dall’altro. L’identità non è immutabile, ma si trasforma con la crescita e i cambiamenti sociali.
    • Rispetto: è la considerazione speciale che si dà a qualcuno o a qualcosa e si riconosce come valore sociale; dovrebbe essere alla base di qualsiasi relazione e di qualsiasi azione offline e online. Fondamenti del rispetto sono la reciprocità e l’empatia.
    • Affettività: tutto ciò che riguarda la sfera degli affetti. Consapevolezza delle emozioni e dei sentimenti che caratterizzano le relazioni di intimità tra pari, siano esse all’interno delle dinamiche di coppia o di quelle amicali.
    • Bullismo: reiterata prepotenza (o prevaricazione) da parte di un soggetto più forte ai danni di un soggetto più debole. Le prepotenze possono essere di tipo fisico, verbale, sociale, elettronico. Tutte le manifestazioni comportamentali e socio relazionali che hanno queste caratteristiche, se compiute da bambini o ragazzi, vanno considerate forme di bullismo.
    • Cyberbullismo: qualunque forma di pressione, aggressione, molestia realizzata per via telematica, il cui scopo predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo.
    • Educazione Digitale: conoscenza delle caratteristiche dell’ambiente digitale in tutti i suoi aspetti (internet, videogiochi, social network, app di messaggistica) e capacità di appropriarsi dei media digitali, passando da utenti passivi a consumatori critici e produttori responsabili di contenuti.
    • Consumo di stupefacenti: fenomeno attuale e allarmante spesso associato alla messa in atto di comportamenti pericolosi come il binge drinking, ubriacature frequenti, guida in stato di ebrezza, assunzione di farmaci non prescritti, rapporti sessuali non protetti. comportamenti violenti e aggressivi e tendenza a giocare d’azzardo.
    • Gioco d’azzardo: giochi in cui ricorre il fine di lucro e la vincita o la perdita è interamente o quasi interamente aleatoria” (c.p. art.721). Per poter rientrare nella categoria dei giochi d’azzardo devono essere necessariamente presenti alcune caratteristiche: la messa in palio di denaro oppure di un oggetto di valore e quindi la motivazione di un vantaggio economico nel caso di vincita, l’irreversibilità della posta in gioco a seguito della stessa scommessa e l’aleatorietà dell’esito finale, ossia che l’esito dipende principalmente o totalmente dalla fortuna.
    • Sexting: unione tra le parole sexual e texting, indica l’invio di immagini e messaggi con esplicito riferimento sessuale attraverso smartphone o PC, con diffusione su applicazioni di messaggistica e/o social network.
    • Sei un docente e/o un dirigente scolastico? scopri di più qui
    • Sei organizzatore di attività presso oratori? Scopri di più qui
    • Sei interessato a formazione in genitorialità? Scopri di più qui
    • Sei un’azienda interessata a servizi di welfare aziendale? Scopri di più qui

    Per maggiori informazioni contattaci: info@pepita.it

    Seguici su Facebook

    Iscriviti alla newsletter

    Contatti Pepita

    • Sede legale e operativa:
      Viale Sondrio, 7 - 20124 Milano
    • Sede Perugia:
      Via della Moda, 10 - 06125 Perugia

    Telefono: 02 87264399
    Email: info@pepita.it