WELFARE AZIENDALE

Educazione e internet: come porsi con i ragazzi

Pepita supporta le aziende nello sviluppo di attività di welfare aziendale per collaboratori, fornitori e clienti. L’ambito è quello della genitorialità e la sensibilizzazione sulle tematiche più attuali e diffuse riguardanti  i giovani e le famiglie. Uno degli ambiti che desta maggiore interesse nei genitori è quello della gestione sicura di internet per i loro figli.

Il mondo online in cui vivono i ragazzi oggi è reale quanto quello offline: fanno incontri, esperienze, scoperte, imparano, si mettono alla prova, navigano in mari ricchi di possibilità e di stimoli. La loro socialità è vissuta in una buona parte attraverso i social, le piattaforme online, i giochi in rete, la messaggistica. Socialità vuol dire anche affettività, emotività e gli aspetti più intimi della loro crescita. Il ragazzo, però, molto spesso non è consapevole dei rischi e delle conseguenze legati alle sue attività online, malgrado possa essere molto informato a livello tecnico.

Il genitore è, generalizzando, meno competente del ragazzo sull’offerta della rete, le sue dinamiche ed i suoi codici comportali. È anche spesso distratto dalle tante attività quotidiane da svolgere e non sempre sa dove e come il figlio sia mentre naviga attraverso il suo smartphone o tablet. Dove sono i nostri figli? Che rischi incontrano? Come funziona quel social? Chi incontrano? Quali leggi e strumenti ci tutelano? Il genitore oggi ha difficoltà a reperire queste informazioni.

Obiettivi

Offrire alle famiglie dei dipendenti, dei fornitori e dei clienti dell’Azienda un percorso di formazione destinato a favorire un utilizzo di internet sicuro e responsabile.

Tale percorso prevede due diversi momenti di sensibilizzare per genitori, bambini e teenager:

 1. Genitori nella Rete tra regole e consapevolezza: una giornata di formazione della durata di 6 ore per fornire ai genitori una serie di nozioni e strumenti pratici per conoscere i rischi a cui potrebbero andare incontro i propri figli con un utilizzo scorretto della rete, riconoscere abitudini negative e porvi rimedio, identificare per tempo eventuali sintomi di disagio, capire il rapporto che hanno i ragazzi con gli strumenti tecnologici e promuoverne un utilizzo consapevole.

In particolare, verranno affrontati i seguenti temi:

  • Comprendere cosa s’intende e quali sono le condizioni affinché si possa parlare di bullismo e di cyberbullismo
  • Approfondire gli aspetti legali e conoscere tutte le novità introdotte dalla L.71/2017 e dall’entrata in vigore del GDPR in materia di Privacy
  • Analizzare i rischi legati alla condivisione del proprio corpo sul web: Sexting e Sextortion
  • Conoscere il funzionamento dei principali social network e sistemi di messaggistica utilizzati dai ragazzi
  • Riconoscere i primi campanelli d’allarme e i segnali di disagio partendo dall’osservazione delle abitudini quotidiane dei propri figli
  • L’esempio genitoriale: come trasmettere la cultura del rispetto di sé e dell’altro

2. #Iocliccopositivoinfamiglia: 3 ore di formazione di tipo laboratoriale in cui genitori e figli divisi per fasce d’età, sono invitati a lavorare prima separatamente con approcci e metodi diversi, per arrivare, a conclusione del percorso, a un contratto con regole di utilizzo di dispositivi e device, condivise tra genitori e figli.

In particolare, verranno affrontati i seguenti temi:

  • I kids (9-10 anni) attraverso attività dinamiche lavoreranno sui concetti di identità reale e digitale, di unicità della persona e sull’importanza di confrontarsi con adulti nel momento in cui dovessero imbattersi in un episodio di cyberbullismo. Il tutto senza spaventarli ma, piuttosto, stimolandoli a un uso sicuro della tecnologia, che culminerà con la realizzazione di un decalogo in cui proporranno le loro regole per utilizzo dei dispositivi digitali.
  • I teen (11-14 anni) attraverso un laboratorio attivo, lavoreranno sui concetti di “Su internet è per sempre” e sulla “perdita del dato” nel momento in cui viene condiviso in rete; sulle possibili conseguenze legate ad una mala gestione dei dispositivi digitali, sul cyberbullismo e sugli strumenti/canali che hanno per difendersi. Temi che saranno rielaborati con la realizzazione di un mini-video sui comportamenti positivi da tenere.
  • I genitori attraverso attività dinamiche in cui condividere le proprie esperienze, saranno invitati a riflettere sulle regole e sui valori che intendono trasmettere ai propri figli in rete e non e sull’importanza di stimolare una responsabilizzazione attiva dei ragazzi al fine di condividere con loro un patto educativo.

 Pepita ha inoltre realizzato un prodotto editoriale scaricabile gratuitamente “Minori online – una guida per orientarsi” ed è in fase di lancio l’app Adolesharing gratuita e continuamente aggiornata per dare supporto ai genitori nella comprensione del mondo online, i suoi strumenti ed i suoi pericoli, le sue opportunità. 

  • Sei un docente e/o un dirigente scolastico? scopri di più qui
  • Sei organizzatore di attività presso oratori? Scopri di più qui
  • Sei formatore presso un’associazione sportiva o culturale? Scopri di più qui
  • Sei interessato a formazione in genitorialità? Scopri di più qui

 

 Per maggiori informazioni contattaci: info@pepita.it

Seguici su Facebook

Contatti Pepita

  • Sede legale e operativa:
    Viale Sondrio, 7 - 20124 Milano
  • Sede Perugia:
    Via della Moda, 10 - 06125 Perugia

Telefono: 02 87264399
Email: info@pepita.it

Iscriviti alla newsletter di Pepita

 

tutti i campi sono obbligatori

 

Tanti strumenti per la comunità educante

Saremo felici di aggiornarti con nuove proposte, suggerimenti utili, materiali di approfondimento sempre aggiornati.


Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento nel piè di pagina delle nostre e-mail.
Per informazioni sulle nostre pratiche sulla privacy, visita la pagina dedicata sul nostro sito: https://www.pepita.it/cookie-law/

Usiamo Mailchimp come piattaforma per l'invio delle comunicazioni di Pepita. Iscrivendoti accetti che le tue informazioni qui richieste saranno trasferite a Mailchimp. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp qui.