Condividi l'articolo di Pepita con i tuoi contatti

Gruppo CRC

Il Gruppo CRC celebra il suo ventennale e pubblica l’11° Rapporto annuale CRC in occasione della Giornata Internazionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza; il Rapporto è presentato con appuntamenti quotidiani online nella pagina Facebook del periodico Vita.

Il Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Gruppo CRC) , di cui Pepita è membro e con il quale ha collaborato per la realizzazione del rapporto, è un network nato 20 anni fa ed attualmente composto da più di 100 soggetti del Terzo Settore impegnati nella promozione e tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Il Gruppo elabora ogni anno un Rapporto sullo stato di applicazione dei diritti dei minori in Italia.

Il Rapporto annuale CRC 2020 e la pandemia

L’11° Rapporto CRC non consegna solo una retrospettiva di questi due decenni rispetto ai passi avanti che sono stati fatti e sui ritardi che ancora permangono, ma allarga lo sguardo sull’impatto della pandemia in corso che ha portato alla luce, aggravandole e dilatandole, le criticità monitorate nel corso degli anni. 

Nelle raccomandazioni finali, rivolte alle Istituzioni competenti, si esplicita l’auspicio che da questa crisi si possa ripartire con una consapevolezza ritrovata rispetto alla centralità e necessità di investire sui ragazzi e ragazze. 

Fin dall’inizio della pandemia da Covid-19 il Gruppo CRC ha messo in evidenza quanto essa avrebbe causato una crisi non solo agli adulti, ma anche ai ragazzi e bambini stessi.

All’inizio dell’emergenza, aveva denunciato come le persone di età minore fossero rimaste totalmente invisibili alle Istituzioni perché di loro si era parlato solo come “alunni” o come possibili fonti di contagio e non come titolari di diritti, senza pianificare un’azione strategica.

Lo scorso anno il Gruppo CRC aveva concluso la Premessa al Rapporto annuale guardando con speranza alle migliaia di giovani che anche in Italia avevano riempito le piazze per sollecitare l’opinione pubblica e i politici rispetto alle istanze ambientali.
Occorre dunque rilanciare con forza l’impegno di tutti, in primis delle istituzioni responsabili a livello locale e centrale per le politiche dell’infanzia, del Terzo Settore, della comunità educante, e attivare un ascolto costante dei bisogni e dei desideri di bambini e bambine, ragazzi e ragazze

Presentazione del Rapporto online

Il Rapporto viene presentato online dalle 18 alle 19 nella pagina Facebook di VITA, partnership del Gruppo CRC. Sono stati organizzati cinque appuntamenti giornalieri, dal 16 al 20 Novembre, Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. 

In ogni appuntamento avranno voce ragazze e ragazzi che neanche in questo periodo hanno avuto uno spazio di ascolto strutturato da parte delle istituzioni.

L’11° Rapporto è disponibile sul sito: www.gruppocrc.net